Bryonia Il Laboratorio delle Fate

Le Fate nel mondo - OLANDA


Secondo le tradizioni olandesi, scrive il Christian nella sua Historie de la Magie, le Fate abitano in splendidi castelli d’oro e di cristallo, circondati da magnifici giardini e meravigliose fontane. Una musica incantevole si diffonde continuamente nell’aria; l’inverno non è mai rigido ed anzi, nel loro regno è come se splendesse un’eterna primavera. Ma ciò che appare ancor più singolare, è il fatto che questi castelli appaiono all’occhio del profano come umili tuguri, i giardini sembrano campi di rifiuti e gli specchi d’acqua fossi melmosi; la musica incantevole si trasforma in rumori stridenti e l’inverno e la neve si fanno sentire in quei luoghi come una maledizione. È così che le Fate abitano, confondendosi in mezzo alla gente, nascoste da un aspetto di vecchie donne, decrepite e malandate; le vediamo coperte di stracci, con gli occhi arrossati e i capelli grigi, rauche, magre e trasandate. Ma se dopo essersi comunicati ci si reca, alla mezzanotte precisa della vigilia di San Giovanni, tenendo nella mano sinistra un’erba chiamata popolarmente Ren-vaen, davanti alla porta di una Fata e ci si siede con le gambe incrociate, si riuscirà a vederla nella sua condizione reale, vale a dire giovane, bella, splendidamente vestita, contornata di damigelle d’onore, assisa su un trono sfavillante di pietre preziose. E si assisterà al meraviglioso spettacolo offerto da palazzi di cristallo, fontane d’acqua di rose, cascate di latte, fiori ambrati e trasparenti, e tutti i personaggi che formano la corte delle Fate...



linea separatoria
"Bryonia il laboratorio delle Fate" © 1999/2017