Bryonia Il Laboratorio delle Fate

LE VOSTRE TESTIMONIANZE


Ciao,

ho sempre creduto nelle Fate sin da quando ero piccolina, perché sapevo e so, che la natura ha uno spirito ed un’energia che danno vita ha Fate, Folletti e Gnomi.

È successo circa 3 anni fa, avevo più o meno 14 anni, ero in camera mia, stavo facendo i compiti sdraiata per terra. Era tardo pomeriggio però era già buio, penso sia stato d’inverno. Improvvisamente vidi alla finestra una luce e mi avvicinai per guardarla meglio, prima non la vidi più e pensai di essermi sbagliata, ma poi dal basso quella luce ricomparse. Era luminosa e grande come una stella vista nel cielo, anzi forse era poco più grande e molto più luminosa. Volava verso l’alto, e nella luce sono riuscita a vedere bene le gambe e le ali che si muovevano. Non poteva essere altro che una Fata, anche perché quella luce diminuì d’intensità velocemente e poi scomparve.

Non è stata l’unica volta che l’ho vista, sempre alla finestra, e si muoveva a destra e a sinistra, su e giù, e ogni tanto spariva. In realtà da sempre (e spero anche quando sarò più grande) ho avuto tantissime esperienze stranissime, che sarebbero assolutamente prive di logica se non si prendesse in considerazione la teoria delle Fate. Conosco una loro poesia e grazie a questa ogni tanto le chiamo. Devo dire che ogni tanto sono successe anche cose spiacevoli (raramente) e per questo vorrei dire che nonostante ci siano esseri capaci di farci sognare e aiutare ce ne sono altri non tanto benevoli e che con i quali non possiamo scherzare troppo.

Un’ultima cosa, ti accorgi che hai una Fata vicino in vari modi, ade esempio se scompaiono e ricompaiono oggetti da sotto il naso, se trovi cose che non avevi mai visto, se senti strani rumori dentro qualche cassetto, se pensi spesso a loro e senti un buon profumo nell’aria, o anche se improvvisamente ti scoppia il mal di testa e come è venuto se ne va, sono tutti segnali che ne hai una vicina o che nella tua casa c’è un Folletto.

Sabrina.

linea separatoria
"Bryonia il laboratorio delle Fate" © 1999/2017