Bryonia Il Laboratorio delle Fate

Le Fate nel mondo - GERMANIA


Le contrade, le montagne, le valli, i villaggi e i sobborghi pullulano letteralmente di leggende e apparizioni legate non solo alle Fate, ma anche a tutti gli altri spiriti della natura, dell’aria e delle acque. La più famosa tra tutte e la misteriosa Dama Berthe, o Berta di Rosemberg, vissuta nel quindicesimo secolo ed equivalente alle più note Dame Bianche sparse un po’ in tutta Europa. Ufficialmente pare sia apparsa per la prima volta nel castello di Neuhaus, poi nelle altre residenze di famiglie illustri imparentate con i Rosemberg, e come altre consorelle europee si presentava al momento di una nascita, o in occasione di gravi avvenimenti, nelle case sulle quali estendeva la sua protezione.


Già nel cinquecento, Erasmo da Rotterdam scriveva: La cosa più notevole della nostra Germania è forse la "donna bianca", la quale si fa vedere quando la morte sta per battere alla porta di qualche principe, e non soltanto d’Allemagna, ma anche di Boemia. Questo essere s’è infatti mostrato alla morte della maggior parte dei grandi di Neuhaus e di Rosemberg e si mostra ancora oggigiorno, ma non soltanto in quelle occasioni: anche quando debba celebrarvisi un matrimonio, o stia per nascere un bimbo. Per quanto concerne il suo modo d’agire, ella passa talvolta rapidamente di stanza in stanza, con un gran mucchio di chiavi appese alla cintura, mediante le quali apre e chiude ogni porta, tanto di giorno quanto di notte. Se taluno la saluta, assume un tono di voce da donna vedova, una gravità di persona nobile e dopo aver accennato col capo ad un inchino, se ne va e scompare. Non rivolge giammai parole sgarbate a nessuno; guarda invece tutti con modestia e pudore. Si mostra buona verso i mendicanti e soffre assai quando non ottiene che si presti loro aiuto come a lei piace...


In particolare, tre divinità sembrano incarnare i differenti aspetti attribuiti alle Dame Bianche: la prima è Holda, la regina delle foreste, la Diana libera e selvaggia che si bagna nei laghi e nei ruscelli dei boschi e si asciuga i caldi raggi del sole di mezzogiorno; la seconda è Bertha, la bianca signora, esperta nell’arte di filare; la terza è Ostera, alla quale il popolo offre mazzi di mughetti. Queste entità amano manifestarsi agli umani soltanto soltanto in momenti e circostanze particolari, vestite con abiti o veli bianchi, da cui deriva l’appellativo che le distingue. Gli innumerevoli racconti imperniati sulla loro presenza soave e impalpabile, sono costantemente caratterizzati da un senso diffuso di grazia e di bellezza incantata che pervade ogni storia.


Quando il sole è alto nel cielo le dame bianche si mostrano, di preferenza, ai pastori e contadini.


Nei pressi del villaggio di Geismar questo essere immateriale appare ogni sette anni, e nel castello di Bade, ogni giorno puntualmente, allo scoccare del mezzogiorno, una Dama Bianca si presenta con un mazzo di chiavi in mano. Ugualmente ogni sette anni, nel periodo in cui fiorisce il mughetto, appare una Dama Bianca (protettrice del luogo) nelle cantine del castello di Walsfortsweiler, dove si racconta sia nascosto un tesoro; questa singolare dama, custode del tesoro, sembra che ami in modo particolare i bambini e che preferisca mostrarsi soltanto ad essi.


A Osterode, la domenica di pasqua di ogni anno, è possibile vedere esattamente la stessa figura bagnarsi nelle acque del vicino fiume, lavarsi, asciugarsi, per poi sparire tra le rovine del maniero.


Una caratteristica costante di questo genere di Fate (ma non si limita a queste) pare consista nell’immancabile e prodigioso cambiamento che avviene per i doni lasciati agli esseri umani: qualsiasi oggetto regalato da una Fata, viene infatti invariabilmente trasformato dopo poco in pezzi d’oro e d’argento.


Non sarebbe sufficiente un volume a sé per riportare la serie infinita di queste leggende, la maggior parte delle quali, peraltro, non varia che per marginali dettagli. Si tratta di un patrimonio comune dell’intera Germania, ma i luoghi per così dire prediletti da queste Fate risultano la Prussia, la Turingia e la Westfalia. Si conoscono inoltre Dame Bianche la cui apparizione è legata, nel bene o nel male, ad antiche famiglie di casate illustri. Tristemente nota ad esempio la pallida figura che si manifestava periodicamente agli Hohenzollen per annunciare la prossima fine di un membro della famiglia. Altrettanto famosa la Dama della Casa D’Assia.


Occorre osservare tuttavia che queste creature misteriose, annunciatrici di eventi funesti, non riservano le loro attenzioni unicamente a personaggi titolati: nelle brughiere di Luneburg, le Fate dette Klage-Weib sono solite farsi portatrici di simili notizie anche presso i comuni abitanti della zona.


Appartengono egualmente al ricco scrigno dei miti germanici le altrettanto note Dame del Lago, nome attribuito a numerose Fate durante il Medioevo, tra le quali basti citare la celeberrima Viviana. Queste dame legate al mondo crepuscolare, surreale e soffuso dei laghi, sono figlie delle Meerweibnixe, affascinati divinità delle acque.


Da sottolineare infine, a titolo di curiosità, che l’impressione e la meraviglia suscitate in tutta Europa dalle continue apparizioni di queste straordinarie figure fu tale che alla fine del quattordicesimo secolo fu istituito in Francia, per merito del maresciallo Boucicaut, un vero e proprio Ordine della dama Bianca, con il compito preciso di difendere tutte quelle dame e fanciulle oppresse o minacciate da uomini potenti, malvagi e arroganti, che avrebbero potuto attentare alle loro terre, ai loro beni e al loro onore...



linea separatoria
"Bryonia il laboratorio delle Fate" © 1999/2017