Bryonia Il Laboratorio delle Fate

RICETTE MAGICHE - Le Ricette del Piccolo Popolo


Eccovi qualche ricetta che, pur semplice, non sfigurerà nemmeno alla tavola di un Folletto.


I Brownies al cioccolato  (dolce)


Torta alle nocciole  (dolce)


Cialde Elfiche  (dolce)


Le dita di strega  (dolce)


Biscotti di zucca  (dolce)


Terra di AshGrove  (salato)


Filtro d’amore  (bevanda alcolica)


Filtro del Dragone  (bevanda alcolica)


Tortino alle mele d’Elfiria  (dolce)


Estratto di sangue di Dragone  (bevanda alcolica)


Latte degli Elfi  (bevanda)


Crema delle Fate d’autunno  (salato)


Crema di Ortiche  (salato)


Idromele  (bevanda alcolica)




I Brownies al cioccolato    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Dobbiamo questo delizioso dolce al cioccolato ai famosi Folletti scozzesi detti Brownies ed in omaggio al vello brunastro di cui sono coperti.


Ingredienti:


- 300 gr di zucchero
- 250 gr di burro
- 175 gr di farina
- 130 gr di cioccolato fondente
- 100 gr di noci
- 4 uova


Mescolate le uova e lo zucchero in polvere in una grande terrina. Fate fondere il burro e il cioccolato, poi incorporateli nell’impasto. Aggiungete la farina e le noci sminuzzate.
Mettete in forno per 35 minuti a 180 gradi. Lasciate raffreddare e poi... assaporate!




Torta alle nocciole    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ideale per festeggiare il compleanno di un Folletto!


Ingredienti:


- 125 gr di zucchero
- 3 uova
- del rhum
- 75 gr di burro
- 100 gr di farina
- mezza bustina di lievito
- 200 gr di nocciole


In una terrina mescolare lo zucchero, le uova ed un cucchiaio di rhum. Sbattere con la frusta fino a renderla spumosa. Aggiungere il burro fuso e sbattere ancora. Incorporare la farina, il lievito e le nocciole finemente tritate. Mescolare bene il tutto. Versare in uno stampo imburrato, in modo che sia riempito fino a metà altezza. Cuocere in forno a temperatura media. Una volta raffreddata si può glassare la torta con del cioccolato fuso e decorarla con fogliette di pasta di mandorle verde e nocciole.




Cialde Elfiche al miele di fiori    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Preparate una pasta con una 450 gr di farina setacciata, 200 gr di miele e 3 uova, profumate con acqua di fiori d’arancio.
Lasciate riposare qualche ora.
Stendete col matterello una sfoglia piuttosto sottile.
Tagliate dei cuori e cuocete in una piastra per cialde ben imburrata.
Servite le cialde calde, cosparse di zucchero a velo.




Le dita di strega    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ingredienti:


- 150 gr di farina
- 125 gr di burro
- 50 gr di polvere di mandorla
- sale
- 75 gr di zucchero a velo
- un albume
- 3 punte di coltello di buccia d’arancia
- 2 cucchiai da minestra d’acqua di fiori d’arancio
- per la decorazione: zucchero a velo


Disponete la farina a fontana aggiungete il sale, la polvere di mandorle e la scorza d’arancia grattugiata.
Disponete il burro e lo zucchero a velo nel buco e lavorateli in punta di dita fino ad ottenere una crema.
Riportate a poco a poco la farina al centro e mescolate.
Aggiungete il bianco d’uovo e l’acqua di fiori d’arancio.
Impastate fino ad ottenere una pasta liscia.
Lasciate riposare al fresco per 30 minuti.
Sul piano da lavoro leggermente infarinato lavorate fino a formare dei piccoli rotolini di pasta a forma di dita.
Disponete su una piastra (su carta da forno) e fate cuocere 15 minuti circa a 160 gradi fino a che le dita di strega siano dorate. Cospargetele allora di zucchero a velo.




Biscotti di zucca    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ingredienti per un centinaio di biscotti:


- 1,6 kg di farina
- 150 gr di fecola
- 6 tuorli
- 2 albumi
- 1,2 kg di zucca
- 700 gr di burro
- 800 gr di zucchero
- 2 bustine di lievito per dolci


Sbucciate la zucca e lessatela. Poi, passatela (o schiacciatela con una forchetta). Mettete la farina a fontana sul tavolo ed aggiungete tutti gli ingredienti: impastate fino ad ottenere un composto omogeneo. Dopo 20 minuti fate dei bastoncini con l’impasto e sistemateli in una teglia imburrata; spennellateli con gli albumi montati a neve. Mettere in forno a 150° per circa 30 minuti.




Terra di AshGrove    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Piccole zolle di terra del Castello situato nell’antico reame di Mynnydd Prescelly


Ingredienti:


- 280 grammi di farina
- 3 uova
- del sale


Mescolare con un cucchiaio di legno la farina, le uova, un poco d’acqua, un cucchiaio da caffè di sale fino, per ottenere una pasta fluida non troppo spessa.
Prendere due piccoli cucchiai da caffè per formare delle piccole palline. Lasciarle cadere in una pentola contenente 4 litri d’acqua salata bollente. Lasciarle bollire giusto il tempo di riaffiorare. Poi passarle sotto l’acqua fredda, farle sgocciolare e saltarle al burro. Servire guarnite di crostini fritti al burro.




Filtro d’amore    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ingredienti:


- 1 bottiglia di vino rosso
- 2 bastoncini di cannella
- 1 radice di zenzero
- dello zucchero in polvere
- 2 chiodi di garofano
- 1 bastoncino di vaniglia


Mescolare tutti gli ingredienti con il vino rosso e lasciare in infusione per una settimana. Filtrare a colino e mettere in flacone.
La persona del vostro cuore non resisterà a lungo alla voluttà di questo dolce elisir.




Filtro del Dragone    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ingredienti:


- 40 gr di foglie di dragoncello
- 1 litro d’alcool a 45°
- zucchero
- 1 baccello di vaniglia


Per una settimana fare macerare 40 gr di foglie fresche d’erba del dragone (dragoncello) in un litro d’alcool a 45°. Aggiungere un baccello di vaniglia spaccato, un poco di zenzero e 280 grammi di zucchero. Smuovere tutti i giorni con un cucchiaio di legno.
Filtrare e mettere in bottiglia.
Da consumare in due, in una notte di temporale, affinché vi consumi delle sue fiamme d’amore.




Tortino alle mele d’Elfiria    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Halloween è il tempo ideale per cucinarsi un buon grosso tortino alle mele. Troverete qui una ricetta ancestrale deliziosa, croccante e profumata, un piatto scelto per tutti i Folletti di bosco, da accompagnare ad una grossa cucchiaiata di panna.


Ingredienti:


- 320 gr di farina
- 200 gr di burro
- 2 cucchiai d’acqua
- 1 presa di sale
- 1 chilo di mele
- 10 fichi secchi
- qualche noce
- 2 datteri secchi
- 3 grosse prugne
- 1 pugno di uva passa bianca
- 2/3 d’un bicchiere di vino rosso da tavola
- 1 quarto di bicchiere di pastis (o altro liquore a base di anice)
- un cucchiaio da caffè di cannella in polvere
- un cucchiaio da caffè di zenzero in polvere
- un chiodo di garofano schiacciato
- un quarto di bicchiere di latte
- 2 cucchiai da minestra di miele d’acacia


Prendere due mele, pulirle e passarle al frullatore.
Tagliare le mele a dadini, avendo avuto cura di sbucciarle preventivamente, e tagliare la frutta secca in piccoli pezzi. Mettere la purea di mele in una terrina e innaffiarla di vino e di pastis, poi aggiungere le spezie mescolando il tutto; ricoprire con i dadini di mela, la frutta secca e le noci e mescolare il tutto con le mani poi aggiungere il miele mescolando con una spatola di legno.
Mettere la farina in una terrina, aggiungere una presa di sale; far fondere il burro in una casseruola poi aggiungere due cucchiai d’olio e d’acqua fredda; versare il burro nella terrina sopra la farina, mescolare con un cucchiaio di legno molto rapidamente ma senza cercare di lavorare la pasta; fare una palla e infarinarla leggermente.
Infarinare un tavolo e stendere i 2/3 della pasta. Fare un cerchio di pasta delle dimensioni di uno stampo con la parte restante; lasciar riposare un’ora, ma lavorare la pasta di tanto in tanto per evitare di lasciarla indurire.
Imburrare uno stampo, metterci la maggior parte della pasta, metterci la farcitura e coprire col piccolo coperchio di pasta. Potrete decorare a piacere, tracciando spirali, triskel o altri decori simbolici e praticare qualche piccola fenditura per lasciare respirare.
Riscaldare il forno, cuocere 3/4 d’ora a 180°. Dopo 20 minuti spennellare il coperchio col latte per farlo dorare.




Estratto di sangue di Dragone    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Questo estratto di sangue di Dragone è l’ideale per affrontare le temperature glaciali dell’inverno.


Ingredienti:


- 1 bottiglia di rhum scuro
- la scorza di due arance rosse
- 1 bastone di cannella
- 1 radice di zenzero
- 2 chiodi di garofano
- 1 scorza di limone
- 1 bottiglia di vino rosso (facoltativo)


Una volta uniti gli ingredienti ci sono diversi modi di procedere:

La prima, più semplice, consiste nel mettere tutti gli ingredienti in una bottiglia e chiudere il tutto fino al consumo, cioè almeno 2 mesi dopo la chiusura del recipiente.
Per servire si può bere l’estratto di sangue di dragone in un bicchierino, ma bisogna ricordare che l’elisir è estremamente forte. L’ideale è prendere un vino rosso e far cuocere a fuoco lento fino all’ebollizione con un bicchiere raso di estratto di sangue di Dragone (a coperchio chiuso), e servire fumante in una tazza.

L’altro metodo, che permette un consumo più rapido dell’estratto di sangue di Dragone, consiste nel mettere tutto in una casseruola a fuoco basso facendo cuocere fino a ebollizione (sempre tenendo il coperchio sulla casseruola), momento in cui potrete aggiungere un litro di vino rosso. Lasciate raffreddare la pozione, passatela al colino e poi in bottiglia.
Per servire, non resta che rispolverare la casseruola, portare il tutto al limite d’ebollizione e servire caldissimo.




Latte degli Elfi    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ingredienti:


- 1 litro di latte intero
- 3 yogurt naturali
- 3 cubetti di ghiaccio
- 1 strofinaccio
- guarnitura a scelta (menta, basilico...)


Scegliere secondo proprio gusto un mazzetto di foglie fresche di menta, basilico o aneto, o ancora due cucchiai da minestra d’acqua di fiori d’arancio o di rosa...
Mescolate il latte con gli yogurt ed il ghiaccio rotto (usare lo strofinaccio per rompere il ghiaccio) fino ad ottenere una bevanda semi liquida e spumosa, nella quale incorporerete l’ingrediente di vostra scelta mescolandolo anch’esso nella bevanda.




Crema delle Fate d’autunno    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Tutti i Pixies ne vanno matti!


Ingredienti:


- 500 gr di funghi gallinacci
- la polpa di una zucca
- salgemma
- pepe
- 1 dado di brodo di pollo
- 1 presa di peperoncino
- qualche foglia di coriandolo fresco
- 1 vaso di panna
- 1 pezzo di bacon


Immergete i gallinacci lavati in acqua fresca con la polpa della zucca a dadini in una marmitta riempita a metà nella quale avrete messo un dado di brodo di pollo. L’acqua non deve superare la metà degli ingredienti. Lasciate cuocere a fuoco basso il tutto per una buona mezz’ora.
Togliete dal fuoco e frullate, ottenendo una purea arancio e fumante.
In una casseruola sul fuoco mettete il pezzo di bacon e quando sfrigola coprirla con la panna, che si impregnerà del profumo del bacon.
Pepate bene e aggiungete il peperoncino tritato e il salgemma.
Togliete dal fuoco e incorporate nella purea.
Versate in una zuppiera e aggiungete qualche foglia di coriandolo in superficie.




Crema di Ortiche    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ingredienti:


- 9 dl di brodo
- 3 dl di latte
- 60 gr di burro
- 600 gr di ortiche
- 30 gr di farina d’avena
- sale e pepe


Prendete le foglioline tenere e verdi dell’ortica, eliminate i gambi e tritatele.
Fate sciogliere il burro in una casseruola, quando sarà sciolto toglietela dal fuoco ed aggiungete il brodo. Rimettete sul fuoco e portate ad ebollizione, quindi incorporate il latte e la farina d’avena rimestando fino a quando non avrà ripreso a bollire.
Una volta che avrà ricominciato a bollire aggiungete le ortiche tritate e cuocete ancora per qualche minuto. Sale e pepe a piacere.




Idromele    Questa immagine rappresenta un piccolo triangolo verde ed  un collegamento attivo che porta all'inizio della pagina


Ingredienti per una damigiana da 5 litri:


1 Kg di miele qualitativamente buono
4 litri d’acqua, meglio se di fonte (altrimenti minerale naturale)
3 grammi di lievito per dolci o per vino
1 foglia di noce oppure, in alternativa, qualcuna di salvia


Diluite il miele nell’acqua e fate cuocere per un paio d’ore insieme alla foglia di noce, di tanto in tanto eliminate la schiuma che si forma in superficie.
Filtrate con un panno dopo aver lasciato raffreddare il tutto, versate nella damigiana o nel bottiglione.
Se avete la damigiana è meglio, il legno dona un sapore particolare alla bevanda.
Importante: Lasciate vuoto 1/5 della damigiana per la fermentazione.
Stemperate in poca acqua tiepida il lievito e poi aggiungete tutto alla soluzione, agitate e rimestate per bene.
Chiudete il contenitore con un tappo per fermentazione oppure della garza assicurata con un elastico.
Agitate ogni giorno 3/4 volte al giorno per la prima settimana.
Il locale che conterrà la damigiana deve essere buio e asciutto,
possibilmente con temperatura non superiore a 20 gradi.
Dopo tre mesi travasate il composto in un secchio pulito e lavate accuratamente la damigiana, poi travasate di nuovo il tutto al suo interno.
Se il colore è troppo torbido filtrate con un panno, qualora avesse fermentato poco aggiungete un altro grammo di lievito.



Le ricette sono © " Bryonia - Il laboratorio delle Fate " è vietata la riproduzione non autorizzata.


linea separatoria
"Bryonia il laboratorio delle Fate" © 1999/2017